Chi sono

Marcello Minenna (Bari, 26 dicembre 1971) è un civil servant, economista esperto in matematica finanziaria. Direttore dell’Ufficio Analisi Quantitative e Innovazione Finanziaria della Consob e chair della Task Force MiFID2 del Comitato per l’Analisi Economica e dei Mercati (Cema) presso l’ESMA, è autore di diverse pubblicazioni tra cui:
1. The Incomplete Currency, edito in inglese da Wiley & Son (2016) ed in italiano da Ediesse col titolo La moneta incompiuta (2016), con prefazione di Romano Prodi, in cui analizza l’architettura dell’eurozona, evidenziandone le criticità e le possibili soluzioni
2. A Quantitative Framework to Assess the Risk-Return Profile of Non-Equity Products, edito da Riskbooks (2009), in cui illustra un set di indicatori probabilistici, derivati dal teorema fondamentale dell’asset pricing, per la misurazione dei rischi dei prodotti finanziari
3. A Guide to Quantitative Finance, edito da Riskbooks (2006), un testo di divulgazione di finanza stocastica

Scrive regolarmente su temi di economia finanziaria su Il Sole24ore, il Wall Street Journal e il Financial Times.

CONSOB | L’INTRODUZIONE DELLA MATEMATICA FINANZIARIA NELL’AZIONE DI VIGILANZA
Le analisi quantitative ed i sistemi integrati entrano nell’azione di vigilanza delineando il quant enforcement e il quant regulation.

1996-1998 | I primi anni in Consob
Vince il concorso pubblico e viene assegnato all’Ufficio Ispettorato.
L’allora Presidente Tommaso Padoa Schioppa lo coinvolge in gruppi di lavoro presso il Ministero del Tesoro di cui all’epoca erano Ministro Carlo Azeglio Ciampi e direttore generale Mario Draghi.

1999-2005 | La “vigilanza quantitativa”, il regtech e l’investor education
Rientrato dalla Columbia University, su impulso del nuovo Presidente Luigi Spaventa, elabora analisi quantitative a supporto dell’azione di enforcement collaborando anche con le omologhe autorità europee e statunitensi.
Sviluppa in-house i sistemi integrati, software che, esaminando i big data, generano allertatori in grado di supportare oggettivamente l’azione di vigilanza.
Una procedura di web spidering per l’individuazione di fenomeni abusivi sulla rete internet viene messa a punto con tecniche di intelligenza artificiale: centinaia di siti abusivi vengono oscurati utilizzando i poteri del decreto legislativo 70 del 2003.
Di quegli anni sono anche i video animati che spiegano la finanza strutturata con un linguaggio semplice e grafiche elementari e i calcolatori che ne misurano i relativi rischi.
All’attività di vigilanza affianca sempre la ricerca e pubblica il suo primo libro, A Guide to Quantitative Finance.

2006-2009 | L’approccio di vigilanza c.d. “a 3 pilastri”
La legge sul risparmio estende le competenze della Consob in materia di trasparenza dei rischi sui prodotti finanziari di matrice bancaria e assicurativa. Nel 2009 viene recepito nella regolamentazione nazionale l’approccio di vigilanza a “3 pilastri”, un set di indicatori probabilistici in grado di identificare per ogni prodotto finanziario non-equity l’orizzonte minimo di investimento, il grado di rischiosità e la redditività potenziale.
La formalizzazione analitica di queste metriche diviene un libro, A Quantitative Framework to Assess the Risk-Return Profile of Non-Equity Products, presentato in atenei italiani ed esteri e, tra l’altro, alla Scuola Normale di Pisa, con discussant la professoressa Hélyette Geman.
Viene nominato responsabile del neo-istituito Ufficio di Analisi Quantitative.
Viene nominato Cavaliere della Repubblica.

INCARICHI
2017-2018 | Stati Generali della lotta alla criminalità organizzata presso il Ministero di Giustizia
Mette a disposizione le sue competenze su Distributed Ledger Technology (blockchain e cripto-valute) per supportare lo sviluppo di metodi di indagine che tengano in considerazione il potenziale uso di queste tecnologie da parte delle organizzazioni criminali.

2015-2016 | Roma Capitale
Segue le tematiche economico-finanziarie al fianco del Commissario Straordinario Francesco Paolo Tronca. Prosegue come Assessore tecnico nella nuova Giunta, ma in breve tempo rassegna le dimissioni.

2013-ad oggi | Think Tank Astrid NENS
Fornisce contributi di analisi quantitativa alle attività di ricerca dei gruppi di lavoro negli ambiti della gestione dei rischi del sistema finanziario e dell’architettura dell’Eurozona.

2010-ad oggi | CGIL
Supporta nelle materie economico-finanziarie le attività del segretario generale e di diverse categorie del sindacato.

2006-2010 | Gruppo di lavoro per la regolamentazione dei rischi dei contratti derivati stipulati dagli Enti Locali
Collabora alla redazione di un’ipotesi di regolamentazione per la trasparenza dei rischi introducendo scenari probabilistici.

ATTIVITÀ ACCADEMICA
1999-ad oggi | Corsi di finanza quantitativa in diversi atenei italiani ed esteri e seminari rivolti agli operatori di mercato.
Dal 2006 insegna il corso per studenti di Master Topics in Quantitative Finance all’Università Luigi Bocconi.
Dal 2015 insegna il corso per studenti di dottorato Advanced Derivative Pricing and Calibration Via Quadrature alla London Graduate School of Mathematical Finance, scuola di Ph.D che consorzia i principali atenei londinesi.
Nel 2018 consegue l’abilitazione scientifica nazionale come professore di seconda fascia in Economia degli Intermediari Finanziari e Finanza Aziendale e Metodi Matematici dell’Economia e delle Scienze Attuariali e Finanziarie.

FORMAZIONE
1997-2001 | Università di Brescia
Dottore di ricerca in Matematica per l’analisi dei mercati finanziari
1998-1999 | Columbia University, New York
Master of Arts in Mathematical Finance
1996 | Abilitazione professionale
Dottore commercialista – Revisore dei conti
1994-1995 | Marina Militare
Ufficiale di complemento (Accademia navale e
S.O.C.)
1989-1993 | Università Bocconi
Laurea in Economia con lode. Tesi con Luigi Guatri, premiato da Mario Monti con la medaglia d’oro come più giovane laureato del corso.